Archivio mensile:agosto 2016

Euro 2016: Parigi celebra il calcio!

tour eiffel2

Di Milena Re e Valentina Piccoli, volontarie in Servizio Civile presso il Patronato Acli Parigi

 

Dal 10 giugno al 10 luglio si è svolta a Parigi la quindicesima edizione degli europei di calcio in Francia. Dieci sono state le città interessate dalle fasi finali del torneo: Lens, Saint-Denis, Parigi, Bordeaux, Lione, Nizza, Marsiglia, Tolosa, Saint-Étienne, Lilla e ventiquattro sono state le squadre a contendersi il titolo.

 

Già dal 10 maggio, e fino al 10 luglio, è stata allestita all’esterno dell’Hotel de Ville la mostra Football de légendes une histoire européenne che tramite gli scatti delle prodezze calcistiche di trenta tra i migliori calciatori di tutta Europa ci ha fatto rivivere la storia del calcio. Si ritrovano così in brevi testi firmati da scrittori, gli italiani Gianni Rivera nelle parole di Erri De Luca, Roberto Baggio nella descrizione di Roberto Saviano e i francesi Zinedine Zidane nel testo di Jean Philippe Toussaint e Michel Platini nel breve racconto che ne fa Bernard Pivot.

 

«Le Rendez-Vous» è stato lo slogan ufficiale della manifestazione e numerosi sono stati gli eventi collaterali che hanno animato per l’intero mese la città. Tra i primi appuntamenti il concerto di David Guetta del 9 giugno agli Champs-de-Mars per inaugurare la Fanzone della Tour Eiffel con milioni di persone pronte a cantare This One’s For You, canzone ufficiale del torneo. Le Fanzone, ad accesso gratuito, sono state allestite a Parigi e nelle diverse città della Francia per accogliere i tifosi con proiezioni dei match su maxischermo, animazione e zone interattive con «twitter wall».

La competizione si è aperta ufficialmente il 10 giungo con la cerimonia ufficiale allo Stade de France. Lo spettacolo, dedicato alla cultura francese, ha visto l’esibizione delle ballerine di can can, la musica di Edith Piaf e infine, la coreografia in cielo dell’Aereonautica militare francese.

Uno dei simboli degli europei di calcio è stato la Tour Eiffel, ogni sera illuminata con i colori della squadra più seguita sui social network.

acli parisSe il calcio è un’occasione per ritrovarsi e vivere le proprie origini, le Acli di Parigi hanno organizzato la proiezione delle partite presso la propria sede.  Questo è stato un modo per seguire e supportare la propria nazione, centrando uno degli obiettivi dell’associazione che è quello di essere un punto di riferimento per i migranti italiani all’estero.

 

Campo Estivo GA Napoli

Amici,
dal  9 al prossimo 11 settembre si terrà a Castellammare di Stabia il V Campo estivo organizzato dai Giovani delle ACLI di Napoli dal titolo “LAVORO E’…”
Il campo estivo è un’esperienza unica di condivisione, e di crescita, che coinvolge ragazzi da tante regioni d’Italia.
Vi invitiamo a girare questo invito a tutti i ragazzi che pensate possano essere interessati ad una tre giorni di condivisione e riflessione sul tema del lavoro.

Ai partecipanti è richiesto un piccolo contributo di 30 € a parziale copertura dei costi, che vengono sostenuti dal contributo della sede provinciale.
Per informazioni potete fare riferimento alla mail delle Acli provinciali, aclinapoli@acli.it.

Questo il programma del campo estivo:

VENERDI – 09 SETTEMBRE

18.00 – ACCOGLIENZA E REGISTRAZIONE

19.00 – PRESENTAZIONE DEL CAMPO, SALUTI ED ATTIVITA’ DI CONOSCENZA

Matteo Bracciali – Coordinatore Nazionale Giovani delle Acli

Gianvincenzo Nicodemo – Presidente Provinciale delle Acli di Napoli

Gennaro De Micco – Coordinatore Provinciale GA Napoli

20.00 – MOMENTO DI CONVIVIALITA’

Cena e socializzazione

21.00 – LE ACLI: FEDELTA’ AL LAVORO E MOVIMENTO OPERAIO

Santino Scirè  – Presidenza Nazionale Acli

SABATO – 10 SETTEMBRE

9.00 – Colazione

9.30 – Momento di preghiera

10.00 – I SESSIONE

LAVORO È… PROATTIVITA’

Stefania Russo  e Antonia Ciampa  – Progetto Policoro

11.00 – Attività laboratoriale/esperienziale a cura di ENAIP I.S.

13.00 – Pausa pranzo e momenti liberi

16.00 – II SESSIONE

LAVORO È… DIRITTI

Maurizio D’Ago – Responsabile Progetto Lavoro Patronato Acli Napoli

Anna Cigliano – Responsabile Regionale Coordinamento Donne

17.00 – Attività di gioco di ruolo

20.00 – MOMENTO DI CONVIVIALITA’

Cena e socializzazione

DOMENICA – 11 SETTEMBRE

9.00 – Colazione

9.30 – Momento di preghiera

10.00 – III SESSIONE

LAVORO È… AUTOIMPIEGO E TERZO SETTORE

TESTIMONIANZE Natalya Madelyk  – Ass. Donne dell’Est – Cooperativa MED’ORO

Andrea Fiorentino e Daniela Iaconis – Associazione SANACARE

Salvatore Buccelli – BCD Group Comunità Dernier

11.30 – Laboratorio di progettazione: economia e comunità a cura di Luca Raffaele Project Manager NeXt

13.00 – Pausa pranzo

15.30 – Conclusioni e verifica

E’ sempre la GMG

di Marco Rovere – Coordinamento Nazionale GA, Coordinatore GA Imperia

Ho ancora impresso negli occhi e nel cuore- e penso ci rimarrà per molto- lo spettacolo di persone e bandiere del Campus Misericordiae; in quel prato, ho potuto contemplare quanto, nello Spirito, la Chiesa sia bella, gioiosa, giovane, desiderosa, come ha detto il Papa, di “lasciare un’impronta”.

Lasciare un’impronta significa- secondo quanto ci ha detto il Papa- camminare su strade mai sognate e nemmeno pensate, su strade che possono aprire nuovi orizzonti, capaci di contagiare gioia, quella gioia che nasce dall’amore di Dio, la gioia che lascia nel tuo cuore ogni gesto, ogni atteggiamento di misericordia. Ci chiama ad andare per le strade seguendo la “pazzia” del nostro Dio che ci insegna a incontrarlo nell’affamato, nell’assetato, nel nudo, nel malato, nell’amico che è finito male, nel detenuto, nel profugo e nel migrante, nel vicino che è solo; ad andare per le strade del nostro Dio che ci invita ad essere attori politici, persone che pensano, animatori sociali. Che ci stimola a pensare un’economia più solidale di questa. In tutti gli ambiti in cui vi trovate, l’amore di Dio ci invita a portare la Buona Notizia, facendo della propria vita un dono a Lui e agli altri.

A noi, giovani impegnati nelle ACLI, viene, ancora una volta, un invito a riflettere e vivere la dimensione sociale, economica e politica della misericordia, a sperimentare nell’impegno per gli altri la dimensione del dono e della gratuità, a pensare che, per servire gli uomini, dobbiamo incontrare il Figlio dell’uomo, che servire gli uomini, anche e soprattutto nelle vicende temporali più concrete, è servire il Figlio dell’uomo.